image-570
Orafo ROMEO

facebook
twitter
linkedin

R O M E O   s.n.c.      via Venezia,17.       I° piano        88900 CROTONE   (kr)  Italy

 

 p.iva. 00987040797            email.   romeo@romeoorafo.com        tel +39 0962905710   cell +39 3895614470

About

image-479.jpeg
anellostatereDSC_07582012-11-2016.20.48IMG_2117.JPGDSC_0754.JPG

Askos, l’unguentario di bronzo del V secolo a. C. raffigurante una sirena,rinvenuto a Murge di Strongoli

IMG6731.JPG

Da dove viene?

La sfinge alata 

Insieme al celebre diadema d’oro, alla Sirena, alla Gorgone e a una barchetta nuragica — conservati ed esposti presso il Museo archeologico di Crotone — la Sfinge costituisce alcuni tra i più importanti anathémata, “i doni del mare” fatti dai fedeli, ma soprattutto dai viaggiatori, che alla dea Lacinia, Hera, si rivolgevano onorandola per conquistarne il favore e la protezione durante i lunghi viaggi nel Mediterraneo e sulle rotte commerciali dello Jonio, di cui Kroton aveva un controllo strategico. Giunta nella cultura e nell’immaginario dei Greci dall’Oriente lontano dell’antico Egitto, dove era emblema del fascino e della regalità del potere faraonico, la sfinge diviene parte delle creature mitologiche greche — proprio come le sirene e le gorgoni — e nell’Ellade assume una forma straordinaria (con testa di leone, corpo di capra e coda di serpente) e un significato rinnovato e più profondo rispetto a quello avuto in origine presso le civiltà orientali, simboleggiando l’enigma e il mistero della vita cui l’uomo non riesce a dare risposte. Interrogando i viandanti ponendo loro un enigma da risolvere, la sfinge fa riflettere l’uomo su se stesso, sulla brevità e sulla fragilità dell’esistenza, quindi sul suo destino e sulla presunzione di confidare troppo in se stesso di cui l’individuo, come il viaggiatore che affronta il mare, deve sempre avere presente il limite.

fullsizeoutput66d.jpeg

IL Drago di Caulonia in argento e pietre preziose

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder